Lajatico, Pisa 5-6-7 luglio – STAR PARTY DEL SILENZIO

Un evento di scienza e cultura in onore di Andrea Bocelli In contemporanea, la celebrazione del 400° anniversario della pubblicazione dell’opera fondamentale di Galileo Galilei: “Discorso intorno alle macchie solari”. Ospite d’eccezione il 6 luglio l’astronauta Paolo Nespoli

Lajatico Pisa, 5-6-7 luglio  – STAR PARTY DEL SILENZIO.

Due grandi pisani, di ieri e di oggi, saranno onorati e celebrati a Lajatico il 5-6-7 luglio. Saranno notti davvero magiche, ma anche giornate piene e di grande intensità, quelle che Lajatico dedicherà a Galileo Galilei e Andrea Bocelli, due straordinarie icone della scienza e della musica. L’evento, promosso dall’ Associazione lajatichina del Teatro del Silenzio, e sostenuto e patrocinato da alcune delle maggiori organizzazioni scientifiche e universitarie del nostro Paese (INAF, Istituto Nazionale di Astrofisica; ASI, Agenzia Spaziale Italiana; SAIt, Società Astronomica Italiana; Scuola Galileiana di Studi Superiori dell’Università di Padova) è rivolto a tutti coloro che amano l’astronomia e la musica, un connubio tra scienza e arte che, in queste Terre, ha raggiunto, nel corso dei secoli, vette ineguagliate. Basti ricordare che lo stesso Galileo Galilei, il più grande scienziato italiano di ogni tempo, fu anche un profondo cultore della musica, oltre che un raffinato liutista. Inoltre, il padre, Vincenzo, contribuì in maniera significativa alla rivoluzione musicale che porterà alla nascita della musica moderna. Lo Star Party si terrà nella splendida cornice del Teatro del Silenzio nel corso della notte del 5 luglio. Sarà un raduno, aperto al pubblico, di appassionati di astronomia che avrà lo scopo di condurre delle osservazioni collettive a caccia di oggetti affascinanti, quali pianeti, comete, stelle e galassie. Decine di telescopi saranno puntati verso il cielo, per mostrare ad adulti e bambini le bellezze del Creato. L’osservazione sarà preceduta da una conferenza del professor Giovanni F. Bignami, presidente dell’INAF e notissimo autore di libri e grande divulgatore. Il giorno successivo, 6 luglio, nel Teatro Comunale di Lajatico, a partire dal mattino, si terrà il convegno, aperto a tutti, organizzato dalla Società Astronomica Italiana, dal titolo:“L’Armonia delle sfere celesti: l’intreccio tra astronomia e musica nel corso dei secoli”, al quale parteciperanno astronomi e musicologi, e artisti come Giovanni Allevi, notissimo ed apprezzato concertista e compositore, e Terrell Stone, liutista statunitense specialista delle musiche dei tre Galilei (Vincenzo, Galileo stesso, Michelangelo).  Avranno modo di esibirsi anche i giovani studenti della Scuola Galileiana dell’Università di Padova, e una danzatrice classica, su un repertorio di musiche che le sonde Voyagers stanno portando fuori dal sistema solare verso altri mondi. La serata del 6 luglio, in piazza Vittorio Veneto, a partire dalle 21:30 , avrà momenti di grande intensità. Si parlerà di scienza, musica ed astronomia con la partecipazione di scienziati ed esperti di numerose discipline. Il culmine della serata sarà la consegna della targa ad Andrea Bocelli, a ricordo della dedica del nome di un asteroide che porterà, ad imperitura memoria, il suo Nome. Si tratta di un lontano corpo celeste che orbita intorno al Sole che, quella sera, si troverà a circa 237 milioni di chilometri della Terra. Il professore Cesare Barbieri, dell’Università di Padova, in collegamento internet con l’Osservatorio astronomico di Asiago (il più grande d’Italia), mostrerà e commenterà sul grande schermo le immagini in diretta dell’asteroide, ottenute con uno dei grandi telescopi di quell’Osservatorio. Grande attesa per le esibizioni di Andrea Bocelli, che canterà un brano (forse inedito…, questo potrebbe essere un grande regalo per il suo pubblico!) e di Giovanni Allevi al pianoforte. La manifestazione si concluderà domenica 7 luglio, con diversi momenti di rilievo: un convegno di astronomia osservativa nel Teatro Comunale, la consegna dei premi per il concorso per le scuole primarie: “Racconta il tuo astro”, promosso dalla rivista: ‘“Bambino” sarai tu!” e, al campo sportivo di Lajatico, il lancio di missili “ad acqua” da parte dei ragazzi delle scuole della Valdera. Per tutta la durata della manifestazione sarà possibile osservare il Sole durante il giorno, con telescopi disposti nel centro di Lajatico, seguire gli spettacoli affascinanti del Planetario e, per la delizia dei bambini, quelli dell’ Astroclown, uno spettacolo didattico, istruttivo e divertente dove scienza ed arte si fondono. Saranno aperte le mostre dell’INAF (l’universo dell’innovazione) e quella di fotografia astronomica, di Marco Meniero e Andreina Ricco.

info@eanweb.com, www.eanweb.com

Il programma completo dell’evento (ma anche le informazioni per le prenotazioni alberghiere, ecc.) va richiesto a:  info Lajatico è: 334-7957670; 334-7980410 Le informazioni scientifiche sull’evento, scrivendo a: info@eanweb.comwww.eanweb.com

Lajatico, 7 luglio Convegno: “L’astronomia con piccoli telescopi” organizzato da Mirco Villi

10:00 Lorenzo Brandi Il contributo degli astrofili dotati di strumenti amatoriali ABSTRACT La ricerca ed individuazione di comete e piccoli asteroidi è appannaggio di astrofili moderni specializzati ormai da svariati decenni. Ma la loro scoperta richiede tecniche alquanto sofisticate e soprattutto strumentazione potente. Tuttavia anche chi dispone di strumenti più modesti può dare un contributo rilevante con le sue osservazioni all’astronomia dell’oggi. ..

10:40 Alberto Villa In viaggio a caccia di eclissi ABSTRACT Per quanto riguarda le eclissi si tratta dell’illustrazione del fenomeno astronomico con accenni storici, indicazioni per la ripresa fotografica e per i viaggi dedicati.

11:30 Giuseppe Bianco Misurare la Terra dallo Spazio: Geodesia Spaziale e Geodinamica ABSTRACT Sia il “global change” che vari fenomeni naturali (come, ad esempio, i terremoti) provocano effetti piccoli ma misurabili sulla dinamica della Terra su diverse scale temporali. Grazie alla geodesia spaziale, oggi è possibile misurare, con sorprendente accuratezza, l’evoluzione di fenomeni quali la deformazione della crosta terrestre, il rimbalzo post-glaciale, la rotazione della terra e la variazione del suo campo gravitazionale.

12:10 Giancarlo Cortini La ricerca amatoriale di supernovae degli ultimi 20 anni ABSTRACT Sono passati ormai 20 anni dai primi tentativi di ricerca di supernovae ed i risultati sono stati molto importanti. Si contano numerose le scoperte da parte degli astrofili, alcune anche importanti. Viene fatta una panoramica sugli ultimi 20 anni di ricerca e sulle prospettive future.

15:00 Daniele Gasparri Tecniche, trucchi e segreti dell’imaging planetario ABSTRACT Come si ottengono le bellissime immagini planetarie che circolano in rete e sulle riviste astronomiche? Vediamo una panoramica della tecnica, della strumentazione e soprattutto di trucchi e segreti che spesso vengono custoditi gelosamente dai più bravi. Ogni strumento è capace di regalare visioni mozzafiato dei pianeti, del Sole e della Luna: sfruttiamolo in pieno!

15:40 Sauro Donati La ricerca di corpi minori del sistema solare e l’asteroide 1999VZ2 “Andreabocelli” ABSTRACT Gli Asteroidi offrono agli astronomi la possibilità di studiare il Sistema Solare dalle sue origini. Per questo l’astrometria e la fotometria dei pianetini (rivelati ormai in numero sempre maggiore da strumenti in grado di raggiungere magnitudini elevatissime in pochi secondi), diventa forse la nuova frontiera per coloro che utilizzano strumenti di piccolo diametro e, soprattutto, operano sotto cieli decisamente affetti da inquinamento luminoso, come quelli italiani. 16:20 Alberto Villa Astrotrack, ovvero …il profondo cielo sempre in valigia ABSTRACT Per quanto riguarda l’Astrotrack, la presentazione sarebbe dedicata all’illustrazione dello strumento con le modalità di utilizzo e le immagini riprese dal sottoscritto durante i viaggi in Cile / Isola di Pasqua ed Australia.

16:50 Daniele Gasparri Scoprire pianeti extrasolari dal balcone di casa ABSTRACT Con una strumentazione di base, generalmente inferiore a quella necessaria per effettuare riprese a lunga esposizione, è possibile studiare e scoprire pianeti extrasolari in transito di fronte alle proprie stelle.

17:30 Paolo Bacci Le Comete .. aspettando la ISON ABSTRACT L’apparizione sulla volta celeste delle comete nell’antichità era segno di buoni o cattivi auspici associati ad eventi terrestri. Ancora oggi ci emozioniamo alla vista degli oggetti chiomati. Ripercorriamo brevemente la storia delle comete

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.