Perseidi 2013

Presso l’Astronomical Centre erano previste 4 serate (10/11/12 e 13 agosto) di osservazione del cielo in concomitanza con il periodo più favorevole per l’osservazione delle ..Lacrime di S. Lorenzo ossia dello sciame delle Perseidi.
Sabato 10/8/2013
Approfittando del clima gradevole e della leggera brezza da NW, si sono ritrovati presso l’osservatorio Giuseppe e Betty (per una tirata osservativa di tre notti), Giacomo e Jenny, Andrea con Veronica, Fabio e Guido. Giuseppe aveva portato un bel rifrattore da 150 e un ottimo binocolo 25X100, Giacomo il suo C11 e
lo scrivente il Dobson „Skywalker” da 32cm.. L’osservatorio aveva messo a disposizione un Meade UHC da
30 cm ed un rifrattore apo da 100.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Già ben prima che facesse buio è cominciata ad arrivare gente e ben presto il prato dell’osservatorio è stato gremito di adulti e ragazzi molto interessati alla volta celeste. Appena il cielo si è fatto scuro, è stato possibile portarli in giro per il cielo sia ad occhio nudo (attraverso una veloce lezione a cielo aperto di Fabio) che attraverso il telescopio, partendo dall’osservazione di una singola stella colorata (Arturo e Vega) e andando per gradi (stelle doppie, ammassi aperti, ammassi globulari) a finire sui miliardi di stelle che
formano la Galassia di Andromeda.

 

 

 

 

 

 

 

 

Per fortuna, non sono mancate le stelle cadenti ed anche qualche bolide (colorato con scia, seguito dal più classico degli ooohhh!) , sempre più numerose man mano che il radiante si alzava nel cielo.

Verso le 24,30 il pubblico ha pian piano lasciato l’osservatorio per cui è stato possibile fare un pò di osservazione ….seria approfittando di un cielo stupendo, assenza totale di umidità

 

una Via Lattea stagliata da Cassiopea a Sagittario.

 

 

 

 
Da segnalare ancora una volta l’osservazione della nebulosa Nord America nettamente staccata dal fondo cielo, le varie planetarie del Cigno e Aquila risolte e dettagliate, una Helix (filtrata con OIII) che sembrava ..una macchia di sporco sull’oculare tanto era grande e definita, ed infine nettamente visibili nel Dobson a ca. 60 X (Televue 31 mm Nagler, campo reale 1°) le nebulose oscure attorno a a e g-Aql. Dato che si tratta di nebulose oscure, non si vedono. Ed allora l’unica cosa che rimane da fare è montare un oculare che offra il campo più grande possibile, puntare la zona e poi, con calma, andare in giro per quella miriade di puntolini luminosi fino a che non si nota una diminuzione della concentrazione di stelle. Quelle zone a più bassa densità stellare aventi una forma rotondeggiante, allungata, etc. sono sono le nebulose oscure (se la posizione
torna con quella della carta celeste).
Alle 4 ca, la foto ricordo degli irriducibili.

Domenica 11 Agosto
Anche stasera, parecchia gente ripagata con molte piccole meteore veloci e da vari bolidi (con scia) variamente colorati. Cielo limpido anche se l’umidità era leggermente più alta della sera prima. Lunedì 12 Agosto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altra serata ottima per l’osservazione con notevole flusso di persone che sono rimaste fino a tardi osservando sia oggetti deboli nel 30 cm dell’osservatorio che ad occhio nudo e annunciando con un „Eccone un’altra”,
„bella quella”, „hai visto il colore? e la scia…” all’osservazione di una nuova stella cadente o bolide.
Martedì 13 Agosto Ancora una serata limpida con parecchi visitatori. Tra questi, da segnalare la presenza di un gruppo di astrofili dell’Associazione Isaac Newton di S. Maria a Monte.
In conclusione, si può concludere che questa „4 notti all’Astronomical Centre” ha visto un cospicuo afflusso di visitatori (anche del vicino paese di Montecatini Val di Cecina) molto interessati. La cosa è stata favorita anche dal cielo limpido e dal clima ottimale che hanno ha fatto da stupenda cornice a queste notti sotto le
stelle.

Ten wpis został opublikowany w kategorii Senza categoria. Dodaj zakładkę do bezpośredniego odnośnika.

Możliwość komentowania jest wyłączona.