Star Party Saturday 24th May photos

 

Sabato 24/5/2014: una serata con i fiocchi
Approfittando della bella serata e di una leggera brezzetta da NW, ci siamo trovati all’Astronomical Centre
per una nottata osservativa. C’erano in ballo le meteore provenienti dal radiante della Giraffa, osservazione
di Giove, Marte, Saturno, Mercurio, cometa Panstarrs C2014K1 nonchè il profondo cielo con le galassie di
Leone, Vergine, Chioma, etc. etc.
Nella foto 1 sono immortalati i partecipanti a questa serata che si è rivelata ottima sia per l’ottima
trasparenza del cielo che per il tasso di umidità che è rimasto sempre piuttosto basso e, ovviamente, per
l’ottima compagnia.
Stasera è anche entrata a tutti gli effetti in società della casetta di Gabriele (foto 2-4): veramente bellina,
perfettamente attrezzata e funzionante come dimostra la ripresa di M106 (foto 5) con la supernova
praticamente sovrapposta al nucleo.
Tutte le apparecchiature hanno funzionato al meglio (foto 6) tanto che sia Gianluca che Giacomo hanno
potuto staccare dal cielo alcune belle immagini di nebulose e galassie (foto 7-10).
In prima serata , in attesa del buio (che si è fatto attendere fino alle 23 ca.), abbiamo avuto la possibilità di
osservare Mercurio (troppo basso, immagini poco belle, fase piuttosto evidente), Giove (anche questo
piuttosto basso ma abbastanza fermo tanto da mostrare la GMR), Marte (anche se il seeing era piuttosto
ballerino, è stato possibile osservare la calotta ben staccata nonché varie zone oscure sul disco) ed infine
Saturno (sempre stupendo anche quando il seeing è poco soddisfacente: in momenti di calma si vedeva
benissimo la divisione di Cassini e alcune bande sul disco del pianeta).
Tra tutta l’elettronica ed i computer della serata Ivano e lo scrivente, con i Dobson da 32 e 20 (foto 11) cm
sono andati a giro per…gli spazi siderali. In particolare, Ivano, sebbene con qualche difficoltà iniziale
(naturale per chi si affaccia alla ricerca manuale degli oggetti del profondo cielo) ha concluso la nottata con
un carniere contenente M51, M13 e M57. Niente male per la prima volta!
Vorrei qui di seguito riportare un documento che mostra il veloce moto proprio della cometa Panstarrs fra
le stelle dell’Orsa Maggiore, …..dalle parti di y-UMa. Nella figura 12 sono riportati i disegni dei campi
stellari in cui si stagliava la cometa alle 22:15, 23:20, 00:15 e 02:30, rispettivamente. La cometa si presenta
come un oggetto facile, si vede molto bene il falso nucleo. La coda (direzione W-E) era visibile in visione
distolta verso le 22 e più tardi anche in visione diretta.
La serata è andata avanti fino alle 3,30 fra una battuta e l’altra, due chiacchere con Fabio in sala controllo o
con i fotografi sul campo. Una stupenda Via Lattea, con tutte le sue sfumature, era alta nel cielo (foto 13-
15). La sera si è conclusa con uno sguardo veloce (anche se Gianluca decide di fotografarle) delle nebulose
del Sagittario.
A questo punto, visto che ormai era tardi (o presto, dipende di punti di vista), gli irriducibili hanno deciso di
attendere l’alba in compagnia della Luna e Venere. Purtroppo, la Luna sorgeva proprio dietro il colle della
pala eolica più a E e quindi, alle 4,30 abbiamo deciso di andare a letto. E’ comunque bastato scollinare che
una falcetta di Luna calante (con la sua bella luce cinerea) con Venere subito accanto, stagliate su un cielo
color cobalto, ci sono apparse davanti. Ho resistito fino al rettilineo che immette sulla Sarzanese: qui mi
sono fermato e, usando la macchina come cavalletto, ho immortalato l’immagine (foto 16).
A proposito, lo sciame delle “giraffidi” si è risolto con un paio di meteore soltanto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini riprese da Guanluca Vannozzi con il telescopio da 25cm Newton Skywatcher.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini riprese da Giacomo Mazzinghi con telescopio C11 Celestron.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

M 106 con la Supernova vicino il nucleo ripresa da Gabriele Cicalini con telescopio RC GSO 20cm.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riprese durante la notte osservativa. Immagini di Guido Pampaloni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Luna e Venere all’alba sopra Volterra, ripresa da Guido Pampaloni.

 

 

Il transito di HAT-P-18 ripreso con il telescopio da 36 cm, camera SBIG ST-8 by Fabio Martinelli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dieser Beitrag wurde unter Senza categoria veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.

Kommentare sind geschlossen.