Astronomical Centre Lajatico. Sabato 16/5/2015

Astronomical Centre Lajatico. Sabato 16/5/2015

Da lunedì a giovedì il meteo è discreto ma, come succede spesso di questi tempi, il venerdì peggiora (pioggia anche forte) e il sabato è in forse. Tenendo conto che non devo portarmi dietro il telescopio (che…..trovasi già in loco), vado lo stesso. Alle 18 sono all’osservatorio ed il cielo….è completamente coperto con una bella, enorme, siepe nuvolosa su Volterra che, minacciosamente si sposta verso SW.

 

unnamed (24)

 

 

 

 

 

 

In attesa che si faccia buio, con Fabio montiamo un 25 cm su una testa equatoriale Meade degli anni ’80, perfettamente funzionante. L’idea sarebbe di montare la macchina fotografica in parallelo per poter fare fotografie a grande campo.

 

unnamed (25)

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi ci sono un paio di novità in osservatorio: un „contenitore” con tappo a pantografo con un telescopio per grandi campi all’interno ed accanto una scatola di plastica contenente il computer di gestione (astrofili tedeschi) ed il 350 Meade che si è andato ad…infilare fra la casetta del C11 e quella del 508.

 

unnamed (26)

 

 

 

 

 

 

unnamed (27)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso le 20 in cielo è limpido ma tutt’attorno ci sono nuvole e c’è un pò di umidità. Sia come sia, verso le 20 ivory and ebony (P. McCartney) (il mio telescopio e quello di Nicola) sono pronti per la nottata sperando che il cielo ci conceda qualche ora di sereno.

 

unnamed (28)

 

 

 

 

 

 

 

unnamed (29)

 

 

 

 

 

 

In effetti, tutto il cielo visibile non diventa mai completamente limpido, ma per fortuna ci lascia abbastanza spazio per andare in gito per le costellazioni tipiche del cielo estivo (Chioma, Leone, Vergine). Stasera, lo Scorpione non è quasi mai osservabile al di sotto di Antares a causa della nebbia e della nuvolaglia residua derivante dal quel nuvolone che prima stazionava su Volterra.

Verso le 22,30, tutti da Ania a bere il caffé (e non solo). Al ritorno il cielo è nero abbastanza da permettere l’inizio della caccia.

Io inizio con la ricerca dei tripletti di galassie riportati su S&T di maggio. Nel 1979 Valentina e Igor Karachentseva, a seguito di una ispezione visuale delle lastre del Palomar Observatory Sky Survey, pubblicarono un catalogo diIsolated Triplets of Galaxies costituito da 84 esempi. Essi definirono come isolati quei gruppi che distavano fra di loro più di tre volte la distanza fra le componenti del singolo trio. Tra tutti gli 84 tripletti, la rivista ne riporta tre di cui uno costituito da galassie irraggiungibili. Mi dedico quindi a KTG 54 e KTG55 che contengono galassie più luminose. Catturo 5 delle 6 galassie. In particolare, stacco dal fondo cielo, due galassie di KTG 54 (NGC 5560 e 5566) e tutte e tre quelle di KTG 55 (NGC 5574, 5576 e 5577). La NGC 5560 compare, come una nebulosità appena evidente, nel campo dell’11 Nagler quando ho inquadrato NGC 5566; è debole, appena staccata dal fondo cielo. Si apprezza con la visione distolta tanto che quando guardo NGC 5566 vedo anche la NGC 5560 ma quando guardo questa direttamente non la vedo. L’altra componente del gruppo, NGC 5566 è più evidente e più tondeggiante della precedente. Si percepisce anche in visione diretta. Riesco a staccare dal fondo cielo tutte e tre le galassie dell’altro gruppo: sono comunque molto deboli, appena staccate dal fondo cielo. Si deve insistere con l’osservazione per percepire le tre macchiette nebulose che sono le tre galassie.

Successivamente, mi dedico ad un percorso galattico (Nicola ne ha seguito uno altrettanto interessante) che è partito da e-Vir (Vendemmiatrix) ed ha proseguito per i campi di galassie delle costellazioni della Vergine e della Chioma. Qui di seguito riporto le impressioni all’oculare delle galassie più evidenti che ho osservato.

NGC 4762-4754: Le due galassie sono ben diverse l’una dall’altra in quanto la 4762 è molto più allungata con un rigonfiamento centrale che appare usando la visione distolta ed il moto del tele. L’altra galassia (NGC 4754) è invece più rotonda, anch’essa con un bel nucleo in evidenza. Le due galassie sono ben staccate dal fondo cielo.

NGC 4647, 4649 (M60), 4621 (M59): M60 è una bella galassia, rotondeggiante e con un nucleo molto evidente. Se osservo con l’11 Nagler,  nel campo ho contemporaneamente 4 galassie: M60 con accanto NGC 4647, M59 e NGC 4638. In effetti M60, che appare più grande di M59, possiede qualcosa che la rende asimmetrica. E’ la galassia NGC 4647.

NGC 4579 (M58): Oggetto rotondeggiante con un nucleo molto evidente, ben staccato dal fondo cielo. Assomiglia a M89 ma la nebulosità è molto più ampia.

NGC 4486 (M87): E’ un bel galassione rotondo con un nucleo ben evidente. Accanto (ovest) ha un compagno molto debole (NGC 4478) che appare quando guardo M87.

NGC 4429: Bell’oggetto luminoso con nucleo evidente ed alone piuttosto allungato. facile, ben staccato dal fondo cielo. Campo stellare discreto con varie stelle luminose.

NGC 4535: Non è per niente facile da vedere anche se è facile da localizzare. E’ rotonda, senza nucleo e piuttosto grande per cui la luminosità superficiale è bassa. Ci vuole il movimento del telescopio per apprezzare la galassia. E’ stupenda in fotografia.

NGC 4472 (M49): Si presenta come un bel batuffolo con un nucleo molto luminoso. Molto bella!

NGC 4365: Si presenta come una macchia rotondeggiante con un nucleo ben evidente. Deboluccia. Non facile

NGC 4261: Con pazienza, cielo buono e un buon oculare saltano fuori almeno 4 oggetti (secondo MSA ce ne sono 25-30!!!). Si possono osservare 4 oggetti ossia la galassia in questione e NGC 4269-4260 e 4264. Tutti gli oggetti meno 1 (NGC 4261) sono molto deboli ed appena staccati. NGC 4261 è rotonda, grande con nucleo ed alone.

NGC 4303 (M61): E’ una grande galassia, rotonda. Si presenta come una nebulosità molto estesa con un nucleo molto evidente.

NGC 4527: Ho due belle galassie separate da due belle stelline (NGC 4527 e NGC 4536). Quella sopra nell’oculare (4536) è più grande con nucleo ed alone molto evidente. Quella sotto (4527) è più piccola e non mostra alcun dettaglio. Campo “ galattico” molto bello. Ci sono due occhietti vispi ed allungati che ti guardano.

NGC 4494: Oggetto molto bello; rotondo con un gran nucleo ed un largo alone luminoso tutto attorno.

NGC 4565: OGGETTO GRANDIOSO. Classica spirale vista quasi perfettamente di taglio. E’ una galassione molto allungato, molto più snello di NGC 891 che ricorda un pò una versione allungata del Sombrero. Insistendo con la osservazione gli estremi dell’alone vanno ai bordi del campo visibile con l’11 Nagler.

NGC 4725: Si tratta di un oggetto piuttosto grande ma non molto evidente per cui uso il 20 Nagler. La scelta dell’oculare è dettata anche dal campo che è discreto anche non troppo vicino alla galassia. La galassia mostra un nucleo ed un alone evidenti. In effetti perde un pò con l’11 Nagler.

NGC 4826: Si presenta come una bella galassia con una insenatura scura nella parte bassa che la fa assomigliare ad un occhio nero. Ha un nucleo piuttosto grande in bella evidenza.

NGC 4559: Bell’oggetto molto grande con un bel nucleo ed alone piuttosto grande. Bel campo fatto di belle stelline, sia forti che deboli.

NGC 4656, 4627, 4631: Le due galassie 4656 e 4631 si possono osservare insieme nell’ 11 e nel 20 Nagler. La 4631 è molto bella e si presenta come un oggetto molto allungato senza nucleo. In effetti entrambe le galassie sono molto allungate Mi ricorda M82 ma è molto più debole e quindi manca dei dettagli visibili nella galassia dell’UMa. Sotto la 4631 percepisco una “stellina” che però è sfuocata e si tratta in effetti della 4627. Anche questa è molto allungata ma si stacca peggio della precedente dal fondo cielo.

Dato che il cielo ogni tanto si copriva nella zona in esame, allora come grilli saltavamo da altre parti (potenza del Dobson e dell’osservazione visuale!!!). In questa maniera abbiamo coperto altri oggetti, questa volta facili da vedere e blasonati, quali galassie dell’Orsa, del Drago, ammassi globulari, etc.

In conclusione, anche se il cielo non era al top (cosa che probabilmente ha molto limitato la presenza di astrofili), i presenti hanno fatto una bella panciata di oggetti. Alle 3 ca. abbiamo staccato e dopo avere sistemato le nostre cose nell’annesso (che gran comodità), siamo rimasti un pò a chiaccherare sotto un cielo che, alla Fantozzi, si era completamente liberato dalla nuvolaglia, rimaneva soltanto quella bassa verso N-NE.

Ten wpis został opublikowany w kategorii Senza categoria. Dodaj zakładkę do bezpośredniego odnośnika.

Możliwość komentowania jest wyłączona.