Astronomical Centre, Venerdì 1/7/2016

Astronomical Centre, Venerdì 1/7/2016
Ci troviamo alle 18 all’Astronomical Centre dopo una giornata all’insegna del bel tempo (è qualche giorno che il meteo è favorevole; un pò nebbioso in pianura ma cielo quasi sempre limpido a sera). Alle 20 ca., con il Sole che sta tramontando, il paesaggio è stupendo.

eccf1d8a-8a27-4a66-a051-36d90b87f1b3

Alle 21 siamo in cinque: Enzo, Luigi, Stefano, Hitam ed io.
I telescopi a disposizione spaziano dai rifrattori, ai catadiottrici ai due Dobson: il 40 cm della Associazione di Pisa e il mio Skywalker.

078c4344-0ca4-42cf-bf29-c43b61d610db

Nell’attesa (lunga) che si faccia buio, tanto per passare il tempo, appoggio lo zoom 18-55 mm della D50 al Televue Nagler da 11mm montato sul telescopio e riprendo Marte, Saturno e Giove. Il risultato è quello che è ma forse prima dell’avvento delle camere CCD, tanti astrofili ne sarebbero andati orgogliosi (Foto 3).

La nottata passa veloce con un cielo limpido e scuro (anche se di tanto in tanto qualche timida nuvoletta si affaccia da S) ed una Via Lattea stagliata da Cassiopea al Sagittario.
Oggetti osservati. Ammassi globulari dello Scorpione, Ammassi aperti fra cui M6 e M7 nonché il bassissimo (d ca. -42°!) NGC 6231 posto un pelo a N di m-Sco. E’ poi la volta dei globulari di Messier del Sagittario e dell’Ofiuco proposti dal fascicolo di Luglio di Sky & Telescope. Quindi, insieme ad Hitam risaliamo la Via Lattea partendo da M8 nel Sagittario e via su su fino alla nebulosa Nord America a fianco di Deneb nel Cigno. Sono almeno una ventina di oggetti uno più bello dell’altro, molti da osservare con OIII e in luce bianca. Fra questi la nebulosa Trifida nettamente suddivisa nei vari petali, M16, 17, gli ammassi aperti nello Scudo, qualche planetaria nell’Aquila e qualche Nebulosa Oscura vicino a Terazed, Il Velo del Cigno ed infine la Nord America e la Crescent Nebula. Con L’Explorer da 14 mm (ca. 100X) i due segmenti principali del Velo stanno completamente nel campo e sono magnifici con tutti i loro dettagli. Si percepiscono anche senza fatica i dettagli delle nebulosità che si trovano fra i rami principali (Pickering Triangular Wisp).

Non poteva mancare qualche galassia rubata all’UMa e CVN che stanno tramontando (M51, M101 e la coppia M81 e M82 parecchio basse a N).
Da segnalare il grande uso (praticamente continuo) che ho fatto dei due oculari a grande campo ossia il 31 Nagler e il 14 Explorer Scientific da 100° di campo apparente.
Fra un oggetto e l’altro, c’è tempo per qualche fotografia estemporanea a tema astronomica (Foto 4). Alle 2 si stacca con un cielo sempre stupendo.

11e8f8d0-7a01-45ce-8cfb-c9a8b1e6ea63

a8558770-4ab2-4191-92cd-d2950e003234

eadacc51-ec92-4378-b05c-4043c48b88e8

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.