Astronomical Centre, Domenica 21/5/2017

Astronomical Centre, Domenica 21/5/2017

Eravamo d’accordo di fare un’uscita sabato ma, come spesso ormai succede, il meteo era sfavorevole. Dato che invece le previsioni erano favorevoli per la notte fra domenica e lunedì, decidiamo di spostare l’osservazione dal sabato alla domenica.Pomeriggio discreto ma caratterizzato dalla tendenza alla formazione di velature anche spesse. Le scie lasciate dagli aerei tendono a sparire velocemente e questo lo considero (a torto o a ragione) un buon segno.
Alle 18,30 Nicola ed io ci troviamo all’osservatorio. Ci rendiamo conto che l’osservatorio si è arricchito di una nuova cupola (quella di Werner Mehl).
Non fa freddo, non c’è umidità, ma fino alle 20,30 ca. la maggior parte del cielo è coperta da velature. O si scopre o ….tutti a casa.Solo quando comincia a scurire gli animi si sollevano, le cose sembrano mettersi al meglio. pian piano il cielo diventa limpido . Dato che siamo ad un mese dal solstizio, il buio si fa attendere.Quando ancora c’è troppa luce per il deep sky provo la ventola che dovrebbe portare velocemente in temperatura il primario. Non avendola provata prima, non mi ero accorto che la ventola è illumata da 4 led bianchi. A che serviranno mai? Solo a impedire l’uso della ventola durante le osservazioni! Vorrei chiedrerlo a papà Geoptik!
Nella più assoluta calme e tranquillità sia Nicola che io decidiamo di dare fondo alle galassie della Vergine che sta sempre più anticipando il suo tramonto dietro il bosco.
Il primo oggetto puntato è però un oggetto del sistema solare ossia la cometa C/2015 V2 (Johnson) che oggi si trova a passare per il Cefeo. Si trova facilmente ed è visibile sia nel 10X50 di Nicola che nel cercatore 9×60. Mostra un bel nucleo con un alone tutto attorno. Verso le 22,30, aprendo parecchio il campo (ca. 60X), si percepisce una coda disposta in direzione NW.
Quando è abbastanza buio (ca. 23) attacchiamo il profondo cielo. Ho deciso di fare come la volta precedente. Prendo una pagina dell’atlante ricca di galassie e….vado a caccia. Parto dalla pagina 725 del MSA e centro la stella 6-Com. Sono benevolmente sorpreso dalla facilità con cui le galassie si staccano dal fondo cielo e dal numero di esse che talvolta cadono nel campo dell’11 Nagler (164X). In definitiva seguo un percorso iniziato dalla stella 6-Com alle 22,45 ca e termina sulla stella 17-Vir verso le 1,45 passando per una cinquantina di galassie, di cui 10 mai osservate prima. nella pagina seguente l’elenco delle galassie osservate, mentre di seguito ho riportato l’elenco di quelle osservate per la prima volta questa sera.
NGC 4637. Debolissima lama di luce orientata da E a W; appare abbastanza facilmente in visione distolta. 360x.

NGC 4620. Facile, ma piuttosto sfilacciata ai bordi, rotonda

NGC 4659. Poco diffusa e con nucleo stellare, poco allungata da N a S; c’è una stellina brillante quasi a ridosso verso SW

NGC 4451. Relativamente compatta, con condensazione centrale evidente, allungata da N a S. 164x.

NGC 4445. Molto allungata da E a W, con una zona centrale appena più brillante e di luminosità un poco irregolare. 164x.

NGC 4488. Molto allungata da NNW a SSE e piuttosto diffusa; presenta un nucleo evidente. 450x

NGC 4492. Rotonda, molto diffusa e gradatamente più brillante verso l’interno; presenta un piccolo nucleo luminoso e contrastato; c’è una stellina brillante a ridosso verso N e un’altra di luminosità simile a SE. 164x.

NGC 4464. Molto piccola e di luminosità uniforme, rotonda

NGC 4334. Molto diffusa e con marcata condensazione centrale, orientata da NW a SE; c’è una stellina brillante a ridosso verso S. 188X.

NGC 4282. Debole, piccola e abbastanza compatta, forse rotonda.

Dato che siamo alle 1,30 ed è lunedì (!!!), un veloce sguardo a M4, M80 e NGC 6144 e poi via di corsa a smontare e a casa. A letto alle 3,30. Sveglia alle 7.

unnamed (4)

unnamed (5)

unnamed (6)

unnamed (7)

unnamed (8)

unnamed (9)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.